CASI CLINICI: Donna in premenopausa trattata con glucocorticoidi

Filled Under: ATTI - XVI CONGRESSO NAZIONALE SIOMMMS 2016

Year: 2016

Number: 3/4

Author:

CASI CLINICI: Donna in premenopausa trattata con glucocorticoidi

Il trattamento dell’osteoporosi secondaria ad uso di cortisonici nella donna in premenopausa merita particolare attenzione. Dopo adeguamento di stato Vitaminico D ed apporto di calcio, il trattamento va considerato di volta in volta secondo il giudizio clinico. Nel caso in cui la durata della terapia sia prevista per oltre 3 mesi, con dose superiore o pari a 7.5 mg/die in presenza di BMD molto ridotta (<2.5 T score) e soprattutto in presenza di fratture da fragilità si può prendere in considerazione un trattamento protettivo con bisfosfonati o teriparatide. Va detto che qualunque trattamento specifico risulta off – label secondo le schede tecniche dei farmaci e che i dati in letteratura sono scarsi in questo subset di pazienti. Bisogna considerare la possibilità di una gravidanza, per cui si consiglia l’associazione di anticoncezionale o un adeguato periodo di wash-out dopo l’interruzione del trattamento specifico (1,2) Con queste premesse si discute il caso di una signora di 42 anni che viene inviata all’ambulatorio del metabolismo osseo subito dopo l’intervento per una frattura atipica occorsa al femore sx e la presenza di una seconda iniziale frattura atipica al femore controlaterale. La paziente da 12 anni è affetta da Arterite di Takayasu e assume cortisonico ad alto dosaggio (deltacortene 25 mg/die per mesi, con periodi di dosaggio inferiore) ed è in trattamento con risedronato settimanale da circa 7 anni. La BMD risulta nella norma e la Vitamina D adeguata. Non vi sono altre patologie, né altre fratture da fragilità. Gli esami evidenziano un turnover ridotto. In letteratura è noto almeno un altro caso simile di recente pubblicazione (3). Probabilmente l’associazione di glucocorticoidi ad alta dose e bisfosfonato, entrambi per lungo periodo, hanno favorito l’insorgenza delle fratture atipiche femorali. Questo fa riflettere sulla effettiva necessità del trattamento antiriassorbitivo e sul periodo di cura così protratto in questo soggetto.

Attualmente la pz è in amenorrea da 12 mesi, con esami ormonali e segni clinici compatibili con menopausa: ci è sembrato corretto inziare il trattamento con anabolizzante.

Bibliografia

1) Briot K, Cortet B, Roux C et al.Bone Section of the French Society for Rheumatology (SFR) andOsteoporosis Research and Information Group (GRIO). 2014 update of recommendations on the prevention and treatment of glucocorticoid-induced osteoporosis. Joint Bone Spine. 2014 Dec;81(6):493-5012) Rizzoli R, Biver E. Glucocorticoid-induced osteoporosis: who to treat with what agent? Nat Rev Rheumatol. 2015 Feb;11(2):98-1093) Kondo N, Yoda T, Fujisawa J et al.Bilateral atypical femoral subtrochanteric fractures in in a premenopausal patient receiving prolonged bisphosphonate therapy: evidence of severely suppressed bone turnover. Clin Cases Miner Bone Metab. 2015 Sep-Dec;12(3):273-7