Come si può capire se le ossa sono povere di minerale?

La presenza di uno o più fattori di rischio maggiori non è comunque sufficiente per stabilire se un singolo individuo ha in effetti un apparato scheletrico ipomineralizzato e più fragile della norma.
L’unico mezzo di cui disponiamo per saperlo è misurare direttamente il contenuto minerale di tutto lo scheletro o di alcuni distretti particolarmente esposti alla perdita.
L’indagine strumentale adeguata per una diagnosi precoce di osteoporosi è la Densitometria Ossea, conosciuta anche come MOC (Mineralometria Ossea Computerizzata).
Essa viene eseguita con apparecchiature specialistiche che misurano la quantità di minerale (Bone Mineral Content, BMC) o la Densità Minerale (Bone Mineral Density, BMD) del segmento osseo in esame.
Tali strumentazioni utilizzano in genere una tecnologia radiologica; l’emissione è comunque molto bassa (la dose assorbita per una misurazione di tutto lo scheletro è all’incirca pari a quella che si può assumere durante un volo in aereo di media durata) e l’esame non provoca alcun fastidio al paziente, se non quello di restare immobile per alcuni minuti.

Comments are closed.