Il microbiota

Il microbiota intestinale (GM) è costituito dall’insieme degli organismi commensali, simbiotici e patogeni che
abitano il nostro intestino.
L’interazione tra GM ed organismo ospite è fondamentale per vari processi fisiologici come la maturazione del
nostro sistema immunitario, sia a livello di difese di barriera che a livello di modulazione sistemica.
È stato dimostrato che il GM può interagire anche con cellule non intestinali dell’ospite come le cellule del sistema
immune, le cellule dendritiche e gli epatociti attraverso la produzione di molecole come gli acidi grassi
a catena corta, i derivati indolici, le poliamine e gli acidi biliari. I recettori per alcune di queste molecole sono
espresse sulla superficie delle cellule del sistema immunitario e sono in grado di modulare l’attività delle cellule
T regolatorie e non. Per questi motivi l’alterazione del GM (disbiosi) è correlata con patologie autoimmune,
metaboliche e neurodegenerative.
Grazie alla stretta interazione tra sistema immunitario e cellule ossee il GM ha un ruolo importante nel mantenimento
della salute scheletrica, nella regolazione del turnover scheletrico e della densità minerale ossea.
Il GM può influenzare la salute scheletrica anche influenzando l’assorbimento intestinale di calcio e modulando
la produzione intestinale di serotonina, quest’ultima interagisce con le cellule ossee ed ha azione di modulazione
del turnover scheletrico.
Quindi la manipolazione del GM attraverso l’utilizzo di antibiotici, modifiche della dieta e l’utilizzo di pre- e
pro-biotici può influenzare la salute scheletrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *