Quiz metabolici: metabolismo fosfo-calcico

Le paratiroidi secernono il paratormone (PTH) ossia l’ormone che regola il metabolismo del calcio e del fosforo,
controllando, di concerto con la forma attiva della vitamina D (1,25diidrossivitamina D3), l’equilibrio fosfo-calcico. Una aumentata secrezione autonoma di PTH da parte di una o di tutte le paratiroidi determina
l’iperparatiroidismo primario (IP) che può essere classificato in IP sporadico (90% dei casi) e iperparatiroidismo
familiare (10%). È una malattia più frequente nel sesso femminile. Oggigiorno la malattia è nell’80% dei casi
asintomatica e diagnosticata durante esami di routine. Sebbene asintomatica la malattia determina tuttavia una
compromissione scheletrica, soprattutto a livello dell’osso corticale, identificata con la densitometria ossea e un
aumentato rischio di calcolosi renale e nefrocalcinosi. Nell’anziano i sintomi possono non distinguersi da quelli
che si associano al processo fisiologico dell’invecchiamento. L’IP normocalcemico (IPN) è caratterizzato dalla
presenza di valori persistentemente elevati di PTH, normali livelli di calcio totale e di calcio ionizzato. La terapia
di elezione dell’IP sintomatico è chirurgica. L’IP asintomatico (IPA) deve essere valutato secondo le ultime
linee guida che indicano le raccomandazioni alla paratiroidectomia.
L’ipoparatiroidismo è una malattia endocrina rara caratterizzata da bassi livelli sierici di calcio ed elevati livelli
sierici di fosforo, associata a livelli in circolo di PTH indosabili o inappropriamente bassi. L’ipoparatiroidismo
può presentarsi come una malattia isolata o in associazione ad altri disordini e può essere acquisito o ereditario.
La forma più frequente è quella post-chirurgica seguita da quella autoimmune isolata dell’adulto. Attualmente
il trattamento consiste nella somministrazione di metaboliti attivi della vitamina D e di calcio, ed in alcuni
stati la somministrazione di PTH1-84 umano ricombinante.
In questa sessione verranno presentati 2-3 casi clinici di pazienti affetti dalle patologie soprariportati ed in particolare
verranno discussi gli approcci diagnostici e terapeutici.

« ARTICOLO PRECEDENTE:
» PROSSIMO ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *